10-04-2017

Food&Kitchen: risponde lo scrittore e musicista Antonio Bocchi (parte I)

Dress your kitchen

Da ispirato romanziere, ha una sua invenzione gastronomica: il cappuccino salato. È solito servirlo in tazze vagamente futuriste, appartenenti a un servizio degli anni Trenta, lasciatogli in eredità dalla madre



  1. Home
  2. Dress Your Kitchen
  3. Food&Kitchen: risponde lo scrittore e musicista Antonio Bocchi (parte I)

Food&Kitchen: risponde lo scrittore e musicista Antonio Bocchi (parte I) Antonio Bocchi è un medico sui generis. Perché, alla sua professione, unisce una bella carriera da scrittore e musicista.
Dopo aver realizzato, negli anni Novanta, alcuni film che hanno partecipato a diversi festival di cinema indipendente, dal 2007 è il leader di una band di rock elettronico, i Lux Anodyca, che ha all’attivo quattro dischi.
Nel 2011 ha pubblicato, per l’editore Salani, il suo primo romanzo, il giallo “Blues in nero”, con le avventure dell’ispettore Bruno Lomax, amante del buon vino e della buona musica. Il secondo, “Trilogia delle donne perdute”, stesso genere stesso protagonista, è uscito lo scorso anno per Delos Books.
Il primo pensiero quando entra in cucina, Antonio?
«Che luogo meraviglioso, la cucina di casa! Si possono verificare prodigi stupendi, vale a dire la generazione di piatti colorati (perché il colore è fondamentale in cucina) e gustosi, che ci nutrono l’anima oltre che il corpo. Le cucine dei ristoranti, invece, mi mettono tristezza, sembrano degli altoforni, dove si lavora con frenesia per soddisfare le comande. Non mi piacerebbe per nessun motivo lavorare in una di queste fabbriche di cibi, non invidio i cuochi, anche quelli più famosi. Per me la cucina è un luogo intimo, dove ci si può abbandonare ai propri sogni gastronomici, secondo le nostre possibilità tecniche e la nostra sensibilità».
Il piatto più rappresentativo della sua vita e perché.
«Il cappuccino, che ovviamente non è quello che si beve nei bar, bensì una mia creazione gastronomica che non ha nulla di dolce. E’ una fonduta di caprino (il latte) con una crema di foie gras (il caffè) e con una spruzzata di noce moscata (il cacao, non sempre presente, ma richiesto da alcuni, come mia moglie che non berrebbe mai un cappuccino senza cacao). Per i vegetariani, la crema di foie gras è sostituita (ahimè) da una crema di lenticchie. È la creazione gastronomica a cui sono più legato, in quanto ha rappresentato la cover, per usare una terminologia musicale, di una bevanda quotidiana che si ingurgita in maniera quasi automatica, quando si fa colazione al bar, senza pensare alla genialità della preparazione e alla difficoltà nell’ottenere la giusta miscela dei due ingredienti principali e l’adeguata consistenza della schiuma».
Perché è così legato a questo piatto?
«Sono molto legato a questo piatto (che ultimamente servo insieme a un cornetto salato, riempito di formaggio fuso e dadolata di prosciutto), in quanto rappresenta e sintetizza la mia idea di cucina creativa, dove l’accostamento dei sapori procede di pari passo con l’utilizzo di stoviglie particolarmente stimolanti. Non è pensabile servire il suddetto cappuccino in tazze banali, ma esclusivamente in tazze particolari che completino ed integrino l’effetto visivo finale. Utilizzo tazze di un servizio degli anni Trenta che mi ha lasciato in eredità mia madre. Tazze dall’aspetto vagamente futurista, che ogni volta che le uso (solo per il cappuccino) temo di rompere, il che comporterebbe la morte del piatto in questione, in quanto nessun’altra tazza sarebbe adatta per accogliere la mia preparazione gastronomica».
Il vino che le fa battere il cuore.
«Il barolo, che ha l’austerità e il rigore del Piemonte, sublimati dalla straordinaria creatività italiana. Non è un vino piacione, non strizza l’occhio, come succede coi vini toscani ,ma resta divinamente composto nelle sue fragranze inimitabili. D’estate, preferisco, ovviamente, lo champagne, nettare fresco e rivitalizzante, con buona pace dei Franciacorta».

Mariagrazia Villa

GALLERY

Food&Kitchen: risponde lo scrittore e musicista Antonio Bocchi (parte I)

Food&Kitchen: risponde lo scrittore e musicista Antonio Bocchi (parte I)

Food&Kitchen: risponde lo scrittore e musicista Antonio Bocchi (parte I)

Food&Kitchen: risponde lo scrittore e musicista Antonio Bocchi (parte I)

Food&Kitchen: risponde lo scrittore e musicista Antonio Bocchi (parte I)

Food&Kitchen: risponde lo scrittore e musicista Antonio Bocchi (parte I)

Food&Kitchen: risponde lo scrittore e musicista Antonio Bocchi (parte I)

Food&Kitchen: risponde lo scrittore e musicista Antonio Bocchi (parte I)

Food&Kitchen: risponde lo scrittore e musicista Antonio Bocchi (parte I)

Food&Kitchen: risponde lo scrittore e musicista Antonio Bocchi (parte I)

Food&Kitchen: risponde lo scrittore e musicista Antonio Bocchi (parte I)

Food&Kitchen: risponde lo scrittore e musicista Antonio Bocchi (parte I)


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy